Compostaggio: come si inizia


Per molti appassionati del verde alle prime armi, affrontare per la prima volta l'operazione di compostaggio non è facile: le istruzioni da seguire a proposito, la scelta dei bidoni, il rischio di provocare cattivi odori e di attrarre roditori, provoca una certa preoccupazione iniziale.

Eseguire il compostaggio è un’operazione semplice, molto di più che seminare e coltivare ortaggi.

 

Attrezzatura necessaria

Avete già la maggior parte di quello che vi serve per eseguire il compostaggio: foglie, piantine annuali sfiorite, scarti di cucina, erba tagliata. Probabilmente avrete anche a disposizione una falciatrice dotata di sacco o uno sminuzzatore per rompere le foglie prima di inserirle nel composter.

Quello che vi manca, e che dovrete procurarvi, è un bidone dove raccogliere gli scarti vegetali da compostare. Le dimensioni dipendono dalle vostre esigenze e dalle dimensioni della vostra compostiera.

Tipi di bidoni

Esistono due tipi principali di bidoni da compostaggio: rimovibili o fissi.

I bidoni rimovibili permettono di creare un’unica quantità di compost. Questi bidoni vengono montati solitamente su un appoggio e possono essere ruotati o spostati all’occorrenza. Dovrete solo recuperare il materiale da inserire nel bidone e rigirarlo ogni giorno o due. Questo metodo permette di ottenere basse quantità di compost nel giro di 5 settimane o anche meno, soprattutto se sminuzzerete il materiale prima di inserirlo nel bidone. Questo tipo di bidone è l’ideale in giardini dove vengono prodotte quantità ridotte di materiale compostabile. Procuratevi anche un contenitore portatile per tenere il materiale compostabile finchè la compostiera non è stata svuotata.

I bidoni fissi permettono di produrre compost di continuo; il materiale compostabile viene continuamente inserito in questi contenitori. Il compost viene prodotto a strati; lo strato inserito per primo è il primo compost ad essere pronto. Per questo motivo, i bidoni sono fatti in modo tale da poter inserire il materiale solo dall’alto e prelevare il compost pronto dalla parte basale del bidone, attraverso uno sportellino. Questi bidoni sono dotati di fori per l’aria e coperchi removibili.

Utilizzate più di un bidone, così potrete produrre compost di continuo. Potrete tenerli vicini o distribuirli in angoli diversi del vostro giardino.

La produzione continua di compost è l’ideale per giardini di dimensioni grandi, dove vengono prodotti scarti vegetali di diverso tipo durante le diverse stagioni dell’anno, scarti di ortaggi, foglie autunnali, sfalci d’erba, piantine annuali appassite oltre agli scarti di cucina.   

E’ possibile iniziare un processo di compostaggio in autunno e avere compost finito a metà-fine estate.

Le dimensioni del bidone sono importanti

L’aspetto più importante da tenere in considerazione per avere compost in continuo, sono le dimensioni del bidone. Le dimensioni ideali sono 90 cm3. Con bidoni di questo volume, si riesce a mantenere la temperatura necessaria ai microrganismi decompositori.

 

vedi anche:

compostaggio: come funziona

compostaggio: riciclare in giardino