Mettere a dimora piante a radice nuda


Mettere a dimora piante a radice nuda può essere utile e conveniente in un giardino: rappresenta oggi una pratica di gran successo e permette di risparmiare rispetto all'acquisto di piante coltivate in terra.


Molte piante a radice nuda, in particolare quelle innestate, sono poste in commercio quando hanno raggiunto almeno 2 anni; la pianta acquistata avrà quindi già acquisito una buona dimensione, ideale per essere posta in terra.

Vantaggi delle piante a radice nuda

Varietà – i vivaisti locali dispongono di un’ampia selezione di piante a radice nuda comprendente un numero maggiore di specie rispetto alle piante in contenitore, poichè occupano meno spazio. Il commercio via internet, con ordini eseguiti tramite posta elettronica, permette di acquistare piante originarie di altre parti del mondo difficilmente reperibili nei garden center.

Prezzo – le piante a radice nuda costano il 30-50% in meno rispetto a quelle coltivate in vaso, di medesima dimensione. Il risparmio è determinato dai minori costi dovuti alla manodopera necessaria alle operazioni di messa in vaso e al mantenimento delle piante in contenitore; senza terreno inoltre, le piante a radice nuda hanno minor peso e conseguentemente minori costi di spedizione.

Maggior massa radicale – indagini svolte alla Cornell University dimostrano che una pianta a radice nuda ha il 200% di radici in più rispetto alla medesima pianta venduta con l’apparato radicale imballato e contenuto in teli con il pane di terra intatto. La differenza è determinata dal mezzo con cui la pianta viene estratta dal vivaio.

Maggior maneggevolezza – le piante a radice nuda sono più leggere, quindi possono essere trasportate direttamente a casa tramite il comune servizio di consegna pacchi. E’ possibile trasportare facilmente le piante a radice nuda anche in macchina. Inoltre, questo tipo di piante può essere messo a dimora in terra facilmente anche da una sola persona.

Migliori prestazioni – le piante a radice nuda, di solito, attecchiscono più velocemente rispetto a quelle vendute entro contenitori, poichè le radici non devono traslocare dal terreno con cui vengono vendute a quello in cui sono trasferite. Vengono messe a dimora durante il periodo di dormienza, lasciando più tempo a disposizione della crescita delle radici, a differenza delle piante trapiantate in primavera.

Svantaggi delle piante a radice nuda

Periodo d’impianto più breve – le piante a radice nuda devono essere piantate durante il periodo di dormienza – prima dell’apertura delle gemme. Il terreno deve essere pronto; queste piante devono essere messe a dimora il più in fretta possibile dopo l’acquisto.

Disponibilità limitata – diversamente dalle piante in contenitore, che sono disponibili presso i vivaisti per tutta la stagione, le piante a radice nuda sono vendute solo per periodi di tempo limitati. L'autunno è un ottimo periodo per l'acquisto e la messa a dimora di queste piante.

Età di messa a frutto – generalmente, anche se non sempre, le piante vendute in contenitore fruttificano un anno o due prima rispetto a quelle vendute a radice nuda.

Potatura – nelle piante da frutto in modo particolare, le potature eseguite nei primi anni, per dare una corretta forma d’allevamento, sono cruciali per ottenere una buona produzione. La maggior parte delle piante coltivate in contenitore ha ricevuto una potatura iniziale. Le piante a radice nuda, invece, ordinate e vendute via internet, vengono tagliate all’apice per essere spedite in imballaggi di cartone, la potatura vera e propria di allevamento deve essere eseguita dall'acquirente.

Quando mettere a dimora piante a radice nuda

A prescindere dalla località, è meglio mettere a dimora piante a radice nuda durante il riposo vegetativo, prima che si aprano le gemme e compaiano le foglie. Il periodo in cui si potranno mettere in terra dipende anche dalla disponibilità di piante.

  • in regioni a clima caldo, piantare tra la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno;
  • in regioni a clima freddo, piantare quando il suolo non è gelato;

In definitiva, è consigliabile procurarsi le piante al più presto possibile, così da assicurarsi una miglior scelta.