Dove vanno in inverno le larve che attaccano il pomodoro?

Queste farfalle eleganti ma distruttive si aggirano sulle piante di pomodoro cercando un posto dove deporre le uova che si trasformeranno in larve. Generalmente dopo la schiusura delle uova le larve si insediano nel terreno dove si incrisalidano. La crisalide rimarrà nel terreno per tutto l’inverno svegliandosi in primavera e dando origine alla farfalla.

Le larve quindi passano l’inverno nascoste sotto terra e questa è una informazione importante per capire come contenerle. Molti altri insetti dannosi alle orticole passano l’inverno sotto terra come la dorifora della patata, alcuni imenotteri sesidi, altre nottue che attaccano cavolo e cetriolo. Generalmente questi insetti si insediano ad una profondità di 1-5 centimetri.

Sapere dove questi insetti svernano è utile per interrompere il loro ciclo vitale e l’inverno è un periodo chiave per adottare una lotta efficace. Ecco alcuni consigli per avere minori attacchi nella primavera prossima.

Attrezzatura per mantenere pulito il giardino

Dopo il raccolto, rimuovi ogni residuo dall’orto. Mentre molti insetti si insediano nel terreno per l’inverno, altri si insediano tra i residui vegetali. Molte avversità dell’orto passano l’inverno in uno stato quiescente su materiale vegetale precedentemente infestato. Asporta questi residui per eliminare fonti di inoculo o posti dove gli insetti si possono nascondere.

Non posizionare piante o residui vegetali infestati nella tua compostiera. Molte volte nella compostiera familiare non vengono raggiunte temperature tali da distruggere questi organismi. Elimina questo materiale in luoghi appositi dove si esegue compostaggio di materiale vegetale su larga scala dove gli enormi cumuli di compost raggiungono temperature elevate.

Pulisci i tutori che hai utilizzato per coltivare con una soluzione al 10% di candeggina. Se possibile, stoccali all’aperto durante l’inverno affinché il freddo provveda a eliminare insetti o funghi eventualmente presenti.

Lavorazioni

Lavora il terreno per portare gli organismi terricoli in superficie ed esporli al freddo.
Potresti anche coprire il suolo con uno strato di foglie cadute e lavorare successivamente per arricchire il suolo di sostanza organica. Molti giardinieri preferiscono le lavorazioni autunnali perché il suolo è più asciutto che in primavera.

Per controllare il più possibile gli insetti terricoli, l’ideale sarebbe lavorare il suolo prima di un’ondata di gelo.

Se di solito non lavori il terreno dovrai concentrare i tuoi sforzi per la pulizia del tuo giardino che dovrà essere ben condotta per una corretta lotta contro gli insetti. Durante la buona stagione osserva sempre le piante per notare eventuale presenza di insetti e funghi.

Preparati in anticipo ed esegui rotazioni colturali

Prima di eliminare tutte le colture, prendi nota di cosa hai piantato quest’anno. Durante l’inverno decidi come impostare le colture l’anno prossimo e ruota le colture in maniera che il pomodoro non torni sullo stesso suolo che lo ha ospitato l’anno precedente. In questa maniera quando gli insetti emergeranno dal terreno in primavera cercando la loro pianta ospite, dovranno spostarsi per trovarla. Il tragitto per trovare la loro pianta ospite li renderà vulnerabili ai predatori ed alle intemperie.

Aggiornati sulla lotta ideale

Prendi informazioni su internet oppure leggi un buon libro di giardinaggio per riconoscere gli insetti che combatti in giardino. Scopri dettagli sul loro ciclo vitale e sul loro comportamento, sono informazioni che ti aiuteranno a mettere in piedi strategie di prevenzione efficaci.

Una volta riconosciuto l'insetto che ospita il tuo giardino puoi procedere anche con una lotta chimica, se necessario. Nell'orto un geodisinfestante come Teflustar si applica prima della semina o del trapianto delle piantine.