Questi ortaggi, amanti del sole, si sviluppano e crescono saporiti anche in vaso. Addirittura maturano prima in vaso che in orto.

 

Scelta del contenitore

Otterrete risultati migliori con contenitori larghi almeno 40 cm, ampi e profondi. Più grandi sono, meglio è. Contenitori in legno o terracotta sono preferibili poichè non scaldano la terra come quelli in plastica. Se utilizzate vasi in terracotta, preferite quelli smaltati, che limitano l’evaporazione dell’acqua. In caso di contenitori in plastica, evitate quelli di colore scuro; assorbono troppo il caldo del sole e si surriscaldano danneggiando le radici. Ottima soluzione è l’utilizzo, come contenitore, di barili aperti a metà, o anche secchi da 20 litri. A prescindere da quale tipo di contenitore utilizziate, l’importante è che abbia fori di drenaggio. Sollevate i vasi su mattoni o altri supporti per migliorare il drenaggio dell’acqua in eccesso.

 

Utilizzate un buon terreno

In vaso, l’apparato radicale di una pianta riceve e assorbe solo quello che gli viene fornito. Coltivate la pianta su un terreno ricco, costituito da terriccio misto a compost in parti uguali. Aggiungete un fertilizzante per pomodori, o a base di calcio, elemento indispensabile per la salute di pomodori e peperoni, necessario per la loro corretta maturazione. La maggior parte dei fertilizzanti specifici per pomodoro contiene calcio. Potete anche utilizzare un concime a lenta cessione, come il Baycote universale, che vi manterrà il terreno fertile per alcuni mesi.

Non riempite i vasi all’orlo; lasciate un margine di 2-5 cm per il pacciame: utilizzate cortecce, cortecce frantumate, o compost. Il pacciame riduce la perdita di umidità e aiuta a tenere bassa la temperatura del suolo. Se coltivate pomodoro e peperoni in pieno sole su una superficie calda o in un patio, raggruppate i vasi di ortaggi e fiori, per isolare le radici di pomodori e peperoni.

 

Piantate in profondità

Piantate le vostre piantine in profondità, interrando quasi completamente lo stelo. Nel caso di pomodori, togliete le foglie più basse e interrate anche la parte di stelo dove erano inserite e da cui si svilupperanno delle radici. Non asportate i fiori; daranno origine ad un primo raccolto. Nel giro di 4 settimane, le piante riempiranno il vaso. Mettete dei sostegni alle piante; pali di legno singoli, o a capanna, serviranno a sostenere le piante a crescita indeterminata, che verranno legate man mano che cresceranno. Un classico sostegno a gabbia servirà per sostenere la crescita di pomodori e peperoni con portamento a cespuglio.

 

Bagnate e fertilizzate

Mantenete il terreno costantemente umido. A inizio estate, dovrete bagnare meno frequentemente, perchè le radici non saranno ancora cresciute fino a riempire il vaso. Col procedere della stagione estiva e la crescita continua della pianta, dovrete invece bagnare più spesso, anche tutti i giorni. Assicuratevi che l’acqua venga assorbita bene dal terreno e che non scorra tra il suolo e il vaso.

Queste piante, coltivate in vaso, necessitano di un quantitativo di fertilizzante superiore rispetto alle stesse coltivate nell’orto. Ogni volta che innaffiate il vaso, dilavate un certo quantitativo di nutrienti, che dovrete rimpiazzare durante la stagione vegetativa. Se non impiegate un fetilizzante a lenta cessione, apportate un buon fertilizzante liquido ogni 10 giorni.