Controllo autunnale delle larve terricole nei prati


L’inizio dell’autunno è un periodo chiave per il controllo delle larve terricole nei nostri giardini poiché è il momento dell'anno in cui si nutrono per accumulare riserve e superare l’inverno.

Appena le temperature del suolo iniziano ad abbassarsi, le larve si interrano ad una profondità di 10-20 cm dove rimarranno in quiescenza fino alla primavera. L’inizio dell'autunno quindi è il periodo ottimale per eseguire la lotta a questi parassiti nel prato. In primavera, infatti, quando le larve emergono dal suolo, non si nutrono più così voracemente, rendendo il loro controllo più difficoltoso. Il danno che osservi sul prato in primavera è in realtà dovuto all’azione trofica delle larve durante l'autunno, per questo il controllo autunnale è molto importante. 

Combatti le larve terricole in autunno e avrai un miglioramento sensibile delle condizioni del tuo prato in primavera. Prova questa strategia per limitare l’attività autunnale delle larve.

Elimina l’erba secca che protegge gli insetti terricoli

Uno strato di erba secca protegge gli insetti terricoli schermandoli dai trattamenti fitosanitari. Se hai in programma di trattare il tuo prato ed esso ha uno strato di erba secca maggiore di 2 centimetri, dovresti asportare l’erba secca o arieggiare il prato prima di trattare contro gli insetti terricoli. Tipi diversi di prato andrebbero puliti in diversi periodi dell’anno. Aggiornati sulle basi della manutenzione del prato prima di prendere decisioni.

Utilizza scarpe chiodate 

Le scarpe chiodate vengono solitamente vendute per arieggiare il prato.
Uno studio dell’Università Statale del Colorado ha dimostrato che camminando ripetutamente (3 o 5 volte) con queste scarpe su un prato infestato da larve terricole è possibile ridurre la popolazione di larve terricole della metà.

Solitamente nei nostri climi non si hanno grandi infestazioni ma anche questa "stravagante" attività costa poco e puo' dare dei risultati; anzi, per ottenere un risultato migliore, bagna il prato il giorno precedente a quello in cui prevedi di camminare con le scarpe chiodate. Eroga 5-10 mm di acqua che provocherà una risalita delle larve verso la superficie e di conseguenza le renderà più vulnerabili ai chiodi delle tue scarpe. L’acqua ammorbidirà anche il terreno rendendo più facile la penetrazione dei chiodi in esso.

Irrigazioni

Gli insetti terricoli amano il suolo bagnato, leggero e l’erba rada.
L’irrigazione saltuaria in profondità incentiva l’accrescimento delle radici e l’infittimento dell’erba che scoraggia l’attività delle larve terricole. Questa strategia di irrigazione, riduce anche l’ovideposizione dei maggiolini nel prato dalle cui uova nascono le larve terricole.

Trasemina

Dai al tuo prato, durante il periodo freddo, una spinta nelle zone rade tramite la trasemina in autunno o in primavera. L’erba fitta disincentiva le larve terricole e gli adulti dei maggiolini. Non traseminare se stai impiegando un erbicida antigerminello di premergenza. Ricorda, la trasemina è solo una delle armi che hai a disposizione per ottenere un prato rigoglioso e verde. 

Mantieni un giardino pulito

Lavora la parte di giardino destinata all’orto per esporre le larve terricole alle avversità ed ai predatori. In  presenza di un numero elevato di larve in superficie dopo la lavorazione dell'orto puoi pensare di raccoglierle e di impiegarle come mangime per gli uccelli.

Prodotti fitosanitari per il controllo delle larve terricole

Per tutte le infestazioni di insetti terricoli, applica un prodotto fitosanitario che riporti in etichetta l’attività su larve terricole e l'indicazione sulla coltura da trattare (prato, ornamentali o orticole). Segui scrupolosamente le istruzioni presenti in etichetta: generalmente questi prodotti devono essere somministrati al terreno, successivamente occorre procedere con una irrigazione. Somministra almeno 5 mm di acqua, ciò vuol dire far lavorare gli irrigatori per almeno un’ora dopo l’applicazione del prodotto. Utilizza un pluviometro per monitorare l’acqua somministrata ed evitare la percolazione del prodotto nel terreno. Se il suolo è secco, irriga il prato il giorno prima dell’applicazione per incoraggiare le larve terricole a spostarsi verso la superficie.
Nel prato per il controllo delle nottue puoi utilizzare Success.
Se il problema invece è nell'orto o nelle piante ornamentali, puoi usare Teflustar prima della semina o del trapianto.

Nematodi

Esistono in commercio prodotti fitosanitari contro le larve terricole a base di nematodi, piccoli anellidi che vivono naturalmente nel suolo. La specie Heterorhabditis bacteriophora assicura un buon controllo delle larve terricole. Questi nematodi, cercano le larve, penetrano al loro interno e si nutrono di esse. Segui scrupolosamente le istruzioni di etichetta del prodotto a base di nematodi, specialmente quelle relative alla temperatura e all’umidità del suolo.