Arieggiatura: il segreto per avere un prato sano


Una delle operazioni più importanti da fare per avere un bel prato è quella di arieggiarlo. Questa operazione, spesso trascurata, è importante quanto altri aspetti relativi alla cura del prato, quali l’apporto idrico, il controllo delle malattie, e la concimazione.

In cosa consiste l'arieggiatura del prato?

Consiste nell’eseguire dei fori nel prato (e nel terreno su cui giace), con degli spuntoni o anche estraendo delle sottili porzioni di terra (operazione detta “carotaggio”). 

Con l’arieggiamento del prato si ottengono molti benefici:

  • vengono ossigenati la zona radicale del prato e il terreno circostante;
  • fertilizzanti ed elementi nutritivi penetrano meglio nel terreno e raggiungono più facilmente le radici;
  • l’acqua viene assorbita più efficacemente dal suolo e può raggiungere più facilmente le radici dell’erba;
  • lo strato di erba secca viene rotto e allontanato;
  • un suolo troppo compatto viene reso più sciolto.

Perchè è necessario arieggiare il prato?

Un prato non curato cresce alto, con un apparato radicale profondo. Le radici profonde tendono a rompere il suolo e ad ancorarsi, così il terreno difficilmente riuscirà a resistere al caldo estivo e alla siccità. Solitamente non si lascia mai crescere il prato in maniera incontrollata, ma lo si taglia e arieggia regolarmente, mantenendolo lussureggiante e impedendo alle radici di penetrare troppo in profondità.

Se un prato non viene arieggiato per molti anni, il suolo diventa troppo duro, e perde la capacità di assorbire elementi nutritivi e acqua. Quando il suolo indurisce, l’erba cresce meno divenendo più sottile e debole.

L’erba secca costituisce un problema

L’erba cresce e si allarga sulla superficie del suolo; regolarmente alcune piantine di erba muoiono e seccano, andando a costituire uno strato di erba secca o in fase di decomposizione. Uno strato sottile può essere anche benefico, in quanto isola il suolo dall’irraggiamento solare e limita l’evaporazione dell’acqua.

Se però lo strato di erba secca è troppo spesso (più di 1 cm), va ad interferire sulla disponibilità di acqua, di elementi nutritivi e di ossigeno, elementi indispensabili per le radici dell’erba. In queste condizioni l’erba si indebolisce.

E’ necessario arieggiare il prato e rastrellarlo per rompere ed allontanare lo strato di erba secca quando questo è troppo spesso.

Un regolare arieggiamento del prato, accompagnato da una fertilizzazione e da apporti idrici opportuni, previene la formazione di questo strato.

Benefici dell’arieggiamento

L’effetto più importante dell’arieggiamento è che il terreno da troppo compatto diviene più sciolto, con conseguenti effetti positivi sull’aspetto del prato:

  • le radici possono penetrare e svilupparsi facilmente in un suolo sciolto, andando a formare l’apparato necessario all’erba per resistere al caldo e alla siccità estiva;
  • i fori fatti nel terreno permettono all’ossigeno di penetrare più facilmente; l’ossigeno contrasta lo sviluppo di funghi e facilita invece lo sviluppo dei microrganismi che degradano l’erba secca;
  • un prato ben arieggiato permette all’acqua e agli elementi nutritivi di raggiungere l’apparato radicale dell’erba, favorendone una crescita sana;
  • uno sviluppo sano ostacola l’attacco da parte di patogeni, contrasta lo sviluppo di erbe infestanti e rende il vostro prato più bello.

per un corretto mantenimento del tappeto erboso e per una corretta concimazione e una pronta ripresa vegetativa all'epoca dell'arieggiatura utilizza Bayfolan multi tappeti erbosi

 

vedi anche:

- come arieggiare il prato 

- quando arieggiare il prato 

- come capire se il prato ha bisogno di essere arieggiato