Porro


Specie: Allium porrum - Famiglia: Alliaceae

Origine

Il porro veniva utilizzato in tempi antichi, particolarmente in Egitto e Medio Oriente, già 4000 anni fa. Le specie selvatiche che crescevano allora erano più corte e sottili rispetto a quelle coltivate oggi, molto più lunghe e ispessite.  

Ciclo colturale

Il porro è un vegetale resistente, robusto e molto saporito. Tuttavia il suo sapore diminuisce con la crescita e l'allungamento. Appartiene alla stessa famiglia della cipolla; ha un sapore simile ma più leggero e attenuato. Le foglie, verdi, spesse, e lunghe fino a 30 cm, partono dalla base dello stelo, bianco, con diametro di circa 12 cm, dove sono riunite.

Esistono anche varietà più piccole, decorative e utili in caso di spazio ridotto. La semina può essere fatta a fine inverno o inizio primavera; il trapianto a fine primavera o inizio estate; il raccolto dall’estate fino alla fine dell’anno.

Come coltivare

I porri non sono difficoltosi da coltivare, ma occupano il terreno per almeno 6 mesi. Richiedono un’esposizione soleggiata e riparata, e un terreno fertile e lavorato in profondità. I semi possono essere seminati in contenitori o direttamente all’esterno in stagione più avanzata; in alternativa è possibile acquistare le giovani piantine da trapiantare direttamente in campo.

I semi possono essere posti a germinare in tardo inverno entro contenitori con terriccio e posti al caldo. Le piantine vengono in seguito diradate a distanza di 5 cm e fatte crescere all’interno finchè non raggiungono le dimensioni sufficienti (lo stelo deve essere spesso come una matita) per essere trapiantate all’esterno, a distanze di 15 cm l’una dall’altra. In alternativa, la semina può essere fatta direttamente all’esterno, in primavera o inizio estate.

La pianta richiede innaffiature soprattutto nei periodi più siccitosi, prestando attenzione a non esagerare. I porri sono facili da raccogliere e possono essere lasciati in terra per mesi. La raccolta viene fatta quando il gambo ha raggiunto le dimensioni giuste e le foglie apicali e le radici sono pronte per l’utilizzo culinario.

I porri sono abbastanza resistenti a malattie, anche se, in presenza di umidità elevata, può comparire la ruggine sulle foglie, caratterizzata da macchioline di colore arancione.  

Lo sapevi? Curiosità sul Porro

Il porro è da tempo il simbolo nazionale del Galles; lo riporta anche William Shakespeare, nella sua opera “Enrico V”. La leggenda narra che il re del Galles Cadwaladr, nel VII secolo, per mimetizzarsi durante una battaglia contro i Sassoni, avvenuta in un campo di porri, fece apporre dei porri sull’elmetto dei suoi soldati.

Ancora oggi, il simbolo del porro viene riportato sull’elmetto delle guardie gallesi, un reggimento dell’arma britannica.

 

Leggi gli articoli di approfondimento:

- Coltivare ortaggi e frutti in serra

- Vecchie varietà di ortaggi: convengono?

Soluzioni per il benessere della pianta

Problemi della pianta