Caprifoglio


Specie: Lonicera - Famiglia: Caprifoliaceae

Origine

Il Caprifoglio è un arbusto legnoso, rampicante, deciduo, che, durante l’estate, decora le siepi di campagna e i boschi di tutta Europa; alcune varietà vengono coltivate anche nei nostri giardini.

Il nome ‘Lonicera’ deriva dal botanico Adam Lonicer, vissuto nel periodo della Resistenza.

Come coltivare

Se desiderate un giardino pulito e ordinato, evitate di piantare un Caprifoglio. Ma se volete una pianta rampicante, profumata, con fiori a doppia tonalità da far crescere sul capannone del vostro giardino, allora sceglietelo. E’ una pianta che non va tenuta sotto controllo; lasciatela crescere liberamente sulle siepi e sui rami degli alberi, renderà più rustico uno spazio urbano. Se desiderate un giardino pulito e ordinato, evitate di piantare un Caprifoglio. Ma se volete una pianta rampicante, profumata, con fiori a doppia tonalità da far crescere sul capannone del vostro giardino, allora sceglietelo.

E’ una pianta che non va tenuta sotto controllo; lasciatela crescere liberamente sulle siepi e sui rami degli alberi, renderà più rustico uno spazio urbano.

Lonicera periclymenum. è il Caprifoglio originario dell’Europa. In estate emette fiori profumati, tubuliformi, di colore rosa intenso, giallo o crema, seguiti da bacche color rosso intenso.

Le cultivar di Caprifoglio coltivate derivano da Lonicera periclymenum: la cv "Belgica" fiorisce in anticipo e la "Serotina", con fiori di color cremisi, fiorisce fino all’autunno; se avete entrambe le cv potrete estendere la fioritura a un periodo più ampio. La "Graham Thomas" è una bellissima cv con fiori giallo-crema che sbocciano per un lungo periodo. In tutti i casi i fiori sono molto profumati.

Il Caprifoglio è una pianta con poche esigenze. Cresce bene sia al sole che in ombra, pur preferendo posizioni luminose. Predilige terreni fertili, umidi ma ben drenati. Soprattutto, ha bisogno di arrampicarsi e svilupparsi lungo un sostegno o un pergolato.

Aggiungete al terreno sostanza organica per mantenere il giusto livello di umidità, e somministrate un fertilizzante a lenta cessione programmata come il Bayfolan Multi orti e giardini in primavera per stimolare la fioritura.

Dopo la fioritura, potate i rami raccorciandoli di circa un terzo. Rinnovate la pianta con una potatura più energica a inizio primavera, a circa 60 cm, legando i nuovi germogli.

Attenzione agli afidi che possono far soffrire la pianta; in caso di infestazione, somministrate un prodotto aficida come il Confidor 200 O-Teq.

Propagazione

La propagazione del Caprifoglio può essere eseguita facilmente tramite talea. Prelevate le talee semilegnose a fine primavera o in estate. Potete generare nuove piante anche con giovani rametti messi a radicare in terra. La propagazione del Caprifoglio può essere eseguita facilmente tramite talea. Prelevate le talee semilegnose a fine primavera o in estate. Potete generare nuove piante anche con giovani rametti messi a radicare in terra.  

Lo sapevi? Curiosità sul Caprifoglio

Durante la notte si ha l’intensità massima del profumo del Caprifoglio, emesso per attrarre gli insetti impollinanti anche a lunga distanza.

In alcuni paesi, si dice che portare fiori di Caprifoglio in casa, significa che entro l’anno si celebrerà un matrimonio. Nel linguaggio dei fiori, il Caprifoglio rappresenta l’amore vero e la fedeltà.

 

Leggi gli articoli di approfondimento:

- La potatura degli alberi